Cateria De Medici

Scritto da Il Fattore on . Postato in Osterie Del Grano

Caterina nacque a Firenze il 13 aprile del 1519 e fu l’ultima del ramo principale dei Medici. Il babbo, Lorenzo duca di Urbino, e la mamma, Maddalena de La Tour d’Auvergne (ramo Borbone) morirono poco dopo la sua nascita.Il cardinale Giulio de’ Medici rientrò a Firenze e si prese cura di Caterina. Passò la sua infanzia e prima adolescenza tra Firenze e Roma, crescendo tra i libri, l’arte e i giochi di potere. Nel 1533 a soli quattordici anni il suo stesso parente, Papa Clemente VII, la dette in sposa al principe Enrico d’Orleans, matrimonio per questioni d’interesse.La duchessina (così era chiamata la giovane Caterina) volle con sé a Parigi le rappresentanze di quella che era diventata la «sua famiglia»: la propria governante, alcuni pasticceri tra cui Pantelli, tre cuoche provenienti dal Mugello, Ruggeri un gelataio di Urbino e altri ancora. Insieme a loro giunsero gli aromi e i profumi della cucina mugellana, del Casentino, della piana tra Firenze e Pistoia e di altre zone della Toscana così come tutti i piatti che Caterina amava: la salsa colla (béchamel), la zuppa di cipolle (soupe d’oignons), le pezzole della nonna (crépes alla fiorentina), la lingua in dolce e forte, il fegato farcito, i carciofi di cui era ghiottissima, i vari tipi di frittata (omelettes) e tante usanze, tante specialità: fra queste il papero al melarancio (canard à l’orange) diventando, così, il piatto dei piatti alla Corte. Caterina de’ Medici amava anche i dolci come i macarons, il gelato, il sorbetto e la pasta bignè (pasta choux), oltre a questo introdusse l’abitudine di gustare a tavola salato e dolce, il cambio dei piatti tra una portata e l’altra, l’uso della forchetta. Morì in Francia il 5 gennaio 1589 al Castello di Blois.

Trackback dal tuo sito.

Copyright© 2017 DI PONETA - Osterie di Toscana s.r.l. - P. Iva 06454340487