2019, auguri e usanze

Scritto da Alessandro on . Postato in Fattoria Di Poneta, News

Il passaggio dall’anno vecchio al nuovo ha sempre un valore catartico… ovviamente si spera che il futuro sia migliore del passato, e chi non ha un proprio rito o usanza scaramantica per “aiutare” il futuro a essere clemente con noi?! Tra i più popolari ci sono quelli legati al rosso, come mangiare il melograno, simbolo di fedeltà e fecondità, meglio se insieme al proprio amore, come segno propiziatorio e di prosperità. O ancora, molto in voga, indossare biancheria rossa (e nuova!) tra il 31 e il 1 gennaio, ma in pochi sanno che il primo giorno dell’anno va poi gettata via! Le nostre nonne dicono inoltre che porta buono incontrare, uscendo di casa la mattina del primo, una persona del sesso opposto (ovviamente i conviventi non contano!) Non mancano – naturalmente – le tradizioni culinarie, e questa volta usciamo dalle tradizioni propriamente toscane, perché si tratta di un’usanza diffusissima in ogni parte d’Italia: tutti, ma proprio tutti, sanno che mangiare lenticchie tra il 31 e il 1 gennaio “porta soldi”, data l’affinità tra la forma di questo prelibato legume e quella delle monete. Insieme al cotechino, carne saporita, sostanziosa e ricca, è “il” piatto di buon auspicio per un nuovo anno prospero e fecondo. E quindi, anche se non ci credete (ma magari meglio farlo, piuttosto che non farlo, come ultimo scrupolo anche per i meno scaramantici), perché non completare il vostro pranzo del primo dell’anno con un bel cucchiaio di lenticchie aromatiche. Auguri dunque di “buone lenticchie” a tutti gli amici delle Osterie di Poneta

Tags: , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Copyright© 2017 DI PONETA - Osterie di Toscana s.r.l. - P. Iva 06454340487